Embrioni e bambini
Di Piton (del 14/10/2010 @ 22:18:40, in Societa',  1959 lettori)
In questa nota voglio far notare come le gerarchie ecclesiastiche abbiano le idee ben precise circa il *quando* un feto diventa essere umano tanto che non effettuano l'operazione di "battezzo" PRIMA che l'oggetto del rito sia riconosciuto come *umano vivo*.

 Forse quel feto è vita ma, non TUTTA la vita viene da loro ritenuta sacra, solo quella umana altrimenti riterrebbero il mangiare lattuga cannibalismo.

" Un feto maschile diviene un essere umano dopo 40 giorni, uno femminile dopo 80 giorni. Le femmine nascono a causa di un seme guasto o di venti umidi."

(Tommaso d'Aquino- padre della chiesa il cui pensiero non è stato mai rinnegato)

Tutta la questione sugli embrioni è solo legata alle caratteristiche del dio che propongono, unico autore e padrone della vita in senso lato e quindi temono come minaccia mortale tutto ciò che fa perdere potere al loro dio.

Ora che non è più il solo a saper insufflare "il soffio divino" al fango ed anche l'uomo ci riesce progettando nuova *vita* nell'ambiente sacerdotale c'è grossa crisi : - )


Tentare di fermare la storia attraverso la magia degli anatemi si è già rivelato inefficace molte volte nella loro storia ma, continuano perchè ormai non hanno altri strumenti.

"Chiunque procederà alla vaccinazione cesserà d’essere figlio di Dio: il vaiolo è un castigo voluto da Dio, la vaccinazione è una sfida contro il cielo".

(Papa Leone XII)

Sulla rivista "Medicina e morale", pubblicata dal centro di bioetica della facoltà di Medicina e chirurgia Agostino Gemelli dell'Università cattolica del Sacro Cuore di Roma.

[...] la vaccinazione generalizzata delle donne è si in grado di proteggerle dal cancro al collo dell'utero, ma questa proposta fa sorgere alcune serie preoccupazioni di carattere etico[...] il vaccino rischierebbe di comportare "ulteriori cadute di valori, il rafforzamento di una comune accettazione da parte dell'opinione pubblica dei comportamenti sessuali promiscui e probabilmente una maggiore diffusione della malattia".


Quindi meglio morire di cancro, dio lo vuole.
Hanno il terrore che la scienza possa "parare" tutti i colpi che attribuivano al loro dio per "punire" l'umanità disubbidiente.

Una ghianda non è una quercia per nessuno ma, un embrione che non è un uomo neanche per loro, potrebbe far "alzare i paralitici" ed è questo per loro intollerabile perchè solo un dio sa fare queste cose, il loro.

Con il battesimo la chiesa certifica che il "coso" che è nato è un umano vivo.
Se non è vivo e non sembra nemmeno umano NON lo battezza quindi, dato che un embrione è un "coso" che non respira e non somiglia affatto ad un uomo, NON lo battezza e NON lo ritiene umano.

I battezzandi (dal diritto canonico).

È capace di ricevere il battesimo ogni uomo e solo l'uomo non ancora battezzato (c 864), Poiché soggetto capace di ricevere il battesimo è ogni essere umano vivente, il sacramento può essere amministrato anche al feto abortivo, al quale viene conferito sotto condizione se si dubita che sia vivo (c. 871).


Evidentemente
anche per la CCAR un embrione non è un essere umano vivente, altrimenti lo battezzerebbe.
Tutto il resto è raffinata retorica per gonzi che tenta di mascherare nel fumo il terrore della loro fine.

La storia non si ferma ed anche gli dei muoiono.
Ammon era un dio potente e nessuno lo ricorda più.
A Geovagesùspiritosanto ed ai suoi sacerdoti presto succederà lo stesso.