Spento
Di Piton (del 07/06/2007 @ 02:33:36, in Amaro in bocca,  1606 lettori)
Ho pure un blog.
Dovrei scrivere qualcosa ma, mi sento spento, come il paese.
Una marea montante di cazzate mi circonda.

Non ci possono essere commenti alle cazzate.
Non c'è un obiettivo, non c'è un progetto,
non c'è un sogno comune da raggiungere.

Siate contenti, o almeno speranzosi, che tra qualche tempo
potrete fare più shopping e le cose intorno a voi saranno più facili.
Questo è quanto.

E poi ci si dovrebbe sorprendere se qualche animo sensibile e debole
cerchi o torni a cercare l'oblio artificialmente indotto.

Per sentirsi vivi ci si azzuffa per le cazzate.
Vallettopoli, Il generale...

Sto leggendo un libro di Noam Chomsky che racconta dei come
è stata ottenuta e viene gestita, nella pratica, la supremazia americana
sul mondo.

Uno schifo per gli animi nobili che sognano un mondo di uguali,
normale dinamica del popolo dominante per gli animi disincantati
che sanno cosa racconta da sempre la storia.

Vedevo stanotte un documentario sulla nostra storia di italiani
alla conquista dell'impero.

L'entusiasmo, le battaglie, i gas sulla gente, il trionfo dei vincitori,
i terroristi, le rappresaglie su donne, vecchi, bambini e preti ortodossi

e poi la bastonata finale che prima o poi arriva per tutti i potenti,
solo che la potenza imperiale italiana è durata solo cinque anni.

Un sogno brevissimo ma, che ci è piaciuto tanto, a giudicare dalle immagini.

Gli USA fanno lo stesso oggi con grande successo.
La bastonata la devono ancora prendere e prima o poi la prenderanno
inevitabilmente, come da libro di storia.

A noi serve un progetto.
Non importa quale che sia ma, che sia.
Anche fosse quello utopico di scalzare gli USA come potenza militare
dominante o quello altrettanto utopico di conquistare alfa centauri.

Non mi servono cose, mi servono sogni.