La parola ferisce pił della spada
Di Piton (del 28/12/2007 @ 20:12:19, in Societa',  3240 lettori)
La parola ferisce più della spada
è una frase ricorrente sulla bocca degli stolti.

Non ho mai visto ferite da arma verbale,
non ho mai visto sgorgare sangue dopo una parolaccia.

Quella frase è una cazzata.

Le parole fanno male ? Sì
Cosa feriscono ?
Il corpo ? No.
La mente ? Sì, nel racconto del mondo che la mente si fa.

Può pensare di ritenersi ferito dalle parole solo chi si identifica totalmente, corpo compreso, nel racconto del mondo che si fa in questo periodo della sua vita .

Un colpo al suo racconto, alle sue idee, equivale ad un pugno sul naso,
per lui.
Quindi, per difendere se stesso (le sue idee) da un attacco verbale, si sente autorizzato per legittima difesa a rispondere con un pugno sul naso all'attaccante, tanto le spade, ed ancora di meno i pugni, feriscono meno delle parole, no ?

Questa concezione delle idee e delle parole è il seme
da cui nasce la violenza degli integralisti di tutti i colori.

Ferire, offendere, smontare, sottolineare le assurdità presenti in un qualsiasi racconto del mondo che qualcuno fa a se stesso e agli altri non equivale a ferire quel qualcuno.

A me sembra che solo dall'eliminazione di intere favole, e dalla ricostruzione armoniosa dei quartieri mentali distrutti nei dibattiti dai colpi degli altri, si possa accrescere la bellezza del proprio racconto del mondo.