La parola ferisce più della spada
Di Piton (del 28/12/2007 @ 20:12:19, in Societa',  3612 lettori)
La parola ferisce più della spada
è una frase ricorrente sulla bocca degli stolti.

Non ho mai visto ferite da arma verbale,
non ho mai visto sgorgare sangue dopo una parolaccia.

Quella frase è una cazzata.

Le parole fanno male ? Sì
Cosa feriscono ?
Il corpo ? No.
La mente ? Sì, nel racconto del mondo che la mente si fa.

Può pensare di ritenersi ferito dalle parole solo chi si identifica totalmente, corpo compreso, nel racconto del mondo che si fa in questo periodo della sua vita .

Un colpo al suo racconto, alle sue idee, equivale ad un pugno sul naso,
per lui.
Quindi, per difendere se stesso (le sue idee) da un attacco verbale, si sente autorizzato per legittima difesa a rispondere con un pugno sul naso all'attaccante, tanto le spade, ed ancora di meno i pugni, feriscono meno delle parole, no ?

Questa concezione delle idee e delle parole è il seme
da cui nasce la violenza degli integralisti di tutti i colori.

Ferire, offendere, smontare, sottolineare le assurdità presenti in un qualsiasi racconto del mondo che qualcuno fa a se stesso e agli altri non equivale a ferire quel qualcuno.

A me sembra che solo dall'eliminazione di intere favole, e dalla ricostruzione armoniosa dei quartieri mentali distrutti nei dibattiti dai colpi degli altri, si possa accrescere la bellezza del proprio racconto del mondo.
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 4000 caratteri)
Nome
e-Mail /NO Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Ci sono 594 persone collegate al sito

< maggio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 




Titolo

Un'immagine alla volta
Click sopra per ingrandirla


Sputi di Coyote

Le immagini precedenti sono QUI

Fase di luna

moon phase info


Notizie

inTOPIC.it


Il tempo a



Libri aperti in giro
per casa

Il mio nome è Nessuno

(Valerio Massimo Manfredi)

La danza dei fotoni
(Anton Zeilinger)

Il cattolicesimo reale
(Walter Peruzzi)





Titolo


29/05/2020 @ 22:36:19
script eseguito in 83 ms