Questa Ŕ una ricetta ferrarese e le sue origini risalgono al
Settecento.
Si consuma tradizionalmente il giovedý grasso e l'ultima
domenica di Carnevale.

Fai ammollare i funghi secchi e tritali grossolanamente.

Prepara la besciamella e a cottura ultimata aggiungi della
noce moscata.

Rosola la carne, le regaglie di pollo insieme ai funghi
in poco olio e al cucchiaio di concentrato. Sfuma con il
vino e lascia cuocere un pochino.

Cuoci i sedanini e scolali molto al dente, condiscili con
la besciamella tiepida, funghi, il rag¨ ottenuto unendo
le carni, il parmigiano grattuggiato e lamelle di tartufo,
mescola con estrema delicatezza.

Fodera una teglia da forno con la pasta sfoglia tenendone
da parte la quantitÓ necessaria per fare il coperchio e le
eventuali decorazioni.

Versa il composto ottenuto nella teglia foderata, formando
la caratteristica calotta, ricoprila con un altro disco di
pasta, chiudi i bordi e decorali

Spennella la superficie con rosso d'uovo sbattuto.

Inforna e a doratura avvenuta servi ben caldo.

Ingredienti: x 4

300 gr. di sedanini rigati
200 gr. di macinato di manzo
una regaglia di pollo
mezzo litro di besciamella (v.ricetta) .
50 gr. di porcini secchi
un tartufo nero
1 rosso d'uovo
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

Una confezione di pasta sfoglia