Incontri d'estate
Di Piton (del 17/10/2009 @ 18:30:25, in Societa',  5272 lettori)
Il primo freddo è arrivato e l'estate sembra già molto lontana eppure solo pochi giorni fa facevamo il bagno nel mediterraneo più caldo che riesca a ricordare.

La nostalgia per l'estate appena passata diventa ogni giorno più forte e le immagini di essa la rinforzano, anche se colte appena ieri, come questa bellissima bambina che giocava con Poldo, il cane di "meneaccorgo".

Cliccando sulle foto si ingrandiscono

Me ne accorgo non è ovviamente un vero nome ma, la frase che un corpulento signore pronunciava come saluto ogni volta che incontrava qualcuno.

Solo in seguito abbiamo scoperto che si chiama Marco e che vive dalle parti di Bologna.



Quando arrivammo al campeggio lui già  c'era insieme ad un gruppetto di abitudinari frequentatori di quel posto che tornano, anno dopo anno, da almeno vent'anni.

Arrivano prestissimo, appena apre il campeggio sono già  la e ovviamente si scelgono  i posti migliori, che occupano per almeno un paio di mesi

In una piazzola vicina a quella di Marco c'era Titti che insieme al marito portava davvero pesce per tutti, pescato a bolentino o a traina dal gommone.

Per gli altri pescatori il pesce non c'è o non abbocca.





Nella foto sotto lei ed il marito mostrano la preda importante della giornata





Poi c'era Paolo, il polparolo, che un giorno trovò una bella ostrica e non sapeva come aprirla.



Prima che arrivassimo noi per i meritati complimenti e la nostra soluzione, aveva pensato di aprirla con il martello   : - (

Abbiamo risolto elegantemente il problema (con il coltello da ostriche che ci eravamo portati dietro) e così  abbiamo acquisito il diritto di partecipare al rito dell'assaggio : - )




Marco e Mirella quel diritto l'avevano già  per "default" : - )



Poco oltre c'era Renzo, 72 anni, che si immerge in apnea a profondità  non banali, da solo.
La moglie, quando le permette di seguirla, l'aspetta sul gommone.



Quest'anno ha preso tre cernie, intorno ai 12 metri (dice lui, per non aumentare l'ansia della moglie ma, non ci credo, in quella zona le cernie di 5 kg stanno più giù)

Non ho fotografato le sue prede, peccato.

C'eravamo anche noi e per alcuni ero "il pescatore".
E' la prima volta che mi viene assegnato questo "ruolo" sociale : - )
Non pescavamo cernie ma, ogni volta che uscivamo portavamo a casa un paio di chili di pesce tra perchie, corvi, triglie, orate, murene e polpi.






Quest'anno c'erano anche enormi branchi di barracuda a poche centinaia di metri dalla riva.

Inizialmente li avevo scambiati per aguglie, corpo lungo ed affusolato, testa lunga ma senza spada  che stavano fermi pinnando nella corrente, a centinaia,  sulle macchie di posidonie.

Le aguglie non si comportano così che io sappia.
Un giorno sparai al volo ad uno tra i più grossi del branco consapevole che le probabilità  che potessi colpirlo mentre fuggiva erano minime.

Invece mirando un buon mezzo metro avanti e un bel po' in alto lo presi.
Aveva la faccia da luccio e quindi non era una aguglia come avevo pensato ma, un barracuda come quello della foto sotto, pescato a traina dal gruppetto dei pescatori amanti delle lenze.






I sub "normali" dicono che in questo mare non c'è niente e forse hanno ragione se paragonato ai mari tropicali ma, se si sa guardare qualcosa c'è.

Abbiamo comprato una macchinetta fotografica subacquea usa e getta della Kodak con dentro un rullino da 24 pose e 800 ASA di sensibilità , impermeabile fino a 10 metri, fuoco fisso, tempo fisso ed un pezzetto di plastica come obiettivo, un giocattolo praticamente.

Abbiamo scattato tutte le foto in una sola uscita in mare.
Il primo soggetto degno di uno scatto è stata ovviamente Lara







poi abbiamo immortalato un paio di polpi nascosti sotto gli scogli






Le murene abbiamo smesso presto di cacciarle  perchè è un tipo di pesce che piace SOLO alla mia Lei e che non riesce a finire da sola, quindi dato che si uccide solo quello che si mangia, ci siamo limitati a fotografarle.




Poi abbiamo fotografato  una medusa, un branco di piccoli pesci gialli, una triglia, un corvo ed una perchia ma, l'unica foto risultata decente è quella della perchia




Sulla destra nella foto c'è anche un riccio di mare come quelli che Lara ha imparato a pescare fino ai 6 o 7 metri di profondità  sapendo dalle mie menzogne, dette solo a fini addestrativi, che erano solo tre o quattro metri d'acqua : - )



A ferragosto, come tutti gli anni, organizzarono una "grande abbuffata" collettiva e ci invitarono all'evento.

Le regole erano semplici.
Ogni famiglia portava da mangiare per se in porzioni molto abbondanti, in modo che anche altri potessero assaggiare quanto cucinato.

Il risultato fu che il cibo era in proporzioni tali da risultare eccessivo.
Primi in tutte le forme, dagli gnocchi alla romana ai fusilli al ragù filanti di mozzarella, attraversando paste alla norma e banali spaghetti.

La carne alla fine è avanzata ma, la caponata della mia Lei e la sua "crema parmentier" hanno avuto il solito successo  e di esse non sono rimaste nemmeno le tracce.




Quando, alla fine della cena, si sono messi a giocare al Karaoke abbiamo lasciato la comitiva perchè gli ululati di Paolo che pensava di cantare, erano davvero insopportabili : - )

Vale, la gatta, la notte andava a caccia e la mattina trovavamo i suoi regali  davanti alle tende.
Topolini, uccellini, lucertole.





In un camper vicino c'era Rosy dagli occhi di ghiaccio.
Suo marito lavorava  tutte le sere fino a notte fonda in un villaggio turistico delle vicinanze  come cantante ed animatore e Rosy qualche volta cercava la nostra compagnia rassicurante specie dopo un evento che ci ha raccontato e che ci ha fatto ridere molto.

Da alcuni giorni vedeva passare insistentemente davanti al suo camper un uomo basso, sudaticcio e col panzone che la guardava di sottecchi tanto da far sorgere in lei il sospetto che fosse un "maniaco" fino a quando una sera il tizio le si avvicinò e le disse con forte accento pugliese:

- Mi sembra di conoscerti. Ho saputo che tuo marito fa il diskjokey, forse ci siamo già visti a Barletta.

E lei: -  si mio marito fa il diskjokey ma, a Barletta non ci siamo mai stati.

Allora il tizio le si avvicina e scrutandola dal basso  negli occhi:

- ma che begli occhi che c'hai !
- mia moglie dorme, perchè non andiamo a fare una passeggiata in spiaggia?

E lei da romana verace:

- certo, come no, ora che torna mio marito ci vai con lui sulla spiaggia e vedrai come ti diverti.

Anche se ne abbiamo riso tutti l'evento l'aveva un po' preoccupata ma, non c'è stato alcun seguito.



Il tempo intanto passava ed il sole che a giugno tramontava a ovest nord ovest MOLTO a destra di Stromboli



pian piano scendeva verso sud avvicinandosi al vulcano




Fino a tramontarci sopra



per poi sorpassarlo nella sua corsa verso sud



sempre più evidente



aspettando un nuovo ciclo sempre uguale e sempre diverso.

Arrivederci a giugno.





 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 4000 caratteri)
Nome
e-Mail /NO Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Ci sono 1163 persone collegate al sito

< gennaio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Altre culture (4)
Amaro in bocca (12)
Arti e Mestieri (11)
Bugie (2)
Classici imperdibili (1)
Commenti (5)
Emozioni (16)
Il mio racconto del mondo (5)
Iniziale (1)
Luoghi (1)
Masturbazioni Mentali (9)
Nostalgie (4)
Societa' (54)
Tiro al volo (1)
Ulivi olive ed olio (10)
Una pianta alla volta (4)


Gli articoli più letti

Ultimi commenti:
@Massimo - Propongo di potare sempre "il giusto" anche perché per fare le olive all'albero servono comunque i rami dell'anno prima, se ne levi troppi riduci anche le poss...
12/01/2018 @ 18:50:11
Di Piton
Ciao Piton.So che l'olivo fa olive un anno sì e un anno poco,e che per ridurre questo "distacco"si dovrebbe concimare e potare in un certo modo!Molte piante hanno fatto ...
12/01/2018 @ 15:37:45
Di Massimo
@Nardini Giuseppe - Forse ho capito ma, se chiami stampo qualsiasi cosa non è facile Piuttosto che "stampo di legno" forse è il supporto di legno che servirà a tenere ori...
08/01/2018 @ 09:16:32
Di Piton
mi sono spiegato male una volta che ho ottenuto lo stampo in negativo fatto con gomma siliconica lo devo fissare allo stampo di legno e qui è il problema non so come inco...
07/01/2018 @ 11:31:48
Di Nardini Giuseppe
@Nardini Giuseppe - Non ho capito benissimo qual è il tuo problema.Hai fatto lo stampo di un foglio di miele che poi sarebbe quel foglio a cellette esagonali fatto di cer...
05/01/2018 @ 10:51:36
Di Piton
Ho fatto uno stampo in gomma siliconica di un foglio di miele che va messo dentro le arnie il mio problema e non riesco a incollarlo allo stampo che è di legno
04/01/2018 @ 16:07:28
Di Nardini Giuseppe
@Simone - In soldoni bisogna eliminare tutto ciò che non è derma.Quindi grumi di grasso e striscioline di muscolo rimasti dalla scuoiatura che si riconoscono facilmente p...
03/01/2018 @ 11:38:34
Di Piton



Titolo

Un'immagine alla volta
Click sopra per ingrandirla


Sputi di Coyote

Le immagini precedenti sono QUI

Fase di luna

moon phase info


Notizie

inTOPIC.it


Il tempo a



Libri aperti in giro
per casa

Il mio nome è Nessuno

(Valerio Massimo Manfredi)

La danza dei fotoni
(Anton Zeilinger)

Il cattolicesimo reale
(Walter Peruzzi)





Titolo


20/01/2018 @ 05:59:52
script eseguito in 92 ms