Piccoli disastri
Di Piton (del 21/10/2008 @ 23:40:38, in Emozioni,  1859 lettori)
Chi ci segue avrà notato che da alcuni mesi siamo praticamente assenti dalla rete a meno di rapidi accessi nei fine settimana, giusto per leggere la posta e rispondere ai commenti.

Siamo impegnatissimi a ripristinare quanto distrutto dal piccolo disastro che è successo verso la metà di luglio quando ci è andata a fuoco la casa in paese.



Eravamo usciti alle 18:15 per andare a raccogliere, nel piccolo appezzamento di terreno a 300 metri dal paese, le prime bacche mature del sambuco. Alle 19 circa un vicino a cavallo di un motorino ci avvertì concitato che dalle finestre di casa nostra usciva fumo nero e si sentivano degli scoppi.

Mi sembrava impossibile, tre quarti d'ora prima stavamo in casa e uscendo non avevamo lasciato niente sul fuoco, nessuna fiamma libera, niente di niente, perfino il gas era chiuso dalla chiavetta sul muro. Ci precipitammo a casa ed effettivamente dalle finestre aperte usciva fumo nero, intenso.

L'idea era quella di raggiungere la lunga manichetta nascosta sotto al divano nella prima stanza, svitare il tubo dell'acqua che alimenta la lavatrice, avvitarci la manichetta e con essa spegnere il fuoco.

Impossibile.
Appena aperta la porta di ingresso e salito i dieci gradini mi ritrovai in una fornace caldissima, in mezzo a fumi roventi ed irrespirabili che sfioravano il pavimento e bruciavano i capelli.

Scesi di corsa e chiesi ai vicini se qualcuno avesse una manichetta, un tubo di gomma abbastanza lungo da usare per cominciare a spegnere l'incendio aspettando l'arrivo dei pompieri.

Silenzio totale e facce con grandi punti interrogativi stampati tra gli occhi.
Una signora si trascinava una sedia per godersi comodamente lo spettacolo.

Finalmente un'altra signora si ricordò che in cantina aveva un tubo abbastanza lungo che andammo a prendere, mentre la casa continuava a bruciare.

Attaccammo il tubo alla fontanella pubblica che stava dieci metri più in basso e con quel debole schizzetto d'acqua tornai dentro. Il fumo si era alzato un po' e strisciando ventre a terra sul pavimento si potevano usare quei 40 centimetri dove l'aria era respirabile per avanzare e raggiungere il focolaio dell'incendio.

Le fiamme erano nel sottoscala della seconda stanza, dove c'era una piccolissima libreria con un paio di metri di libri disposti su due file ed una cassettiera piena di cianfrusaglie varie.

Non c'era niente là sotto che giustificasse l'inizio di un incendio, eppure le fiamme erano lì. In quel luogo non c'erano prese di corrente, spine o alimentatori.

Oltre tutto, gli interruttori magneto-termici ed il differenziale salvavita non erano scattati, la corrente elettrica l'avevo staccata manualmente dall'interruttore generale posto sul contatore entrando la prima volta nella casa piena di fumo quindi nessun cortocircuito poteva essere la causa di quelle fiamme.

Cominciai a spruzzare acqua, i libri erano già bruciati insieme ai due pianerottoli ed a sei gradini della scala, adesso continuavano a bruciare i gradini restanti e quello che una volta era una cassettiera, più in alto c'era il soppalco di legno e ferro ma non si vedevano fiamme provenire da esso, solo fumo intenso che nascondeva tutto.




Quando sembrava che le fiamme colpite dall'acqua si fossero spente, dopo alcuni secondi si riaccendevano da sole. Mi ricordai delle tre C del fuoco e mi resi conto che il calore era ancora troppo alto e bastava un niente perchè con l'aiuto dell'aria riaccendesse le fiamme.

Con quel ridicolo schizzettino d'acqua non sarei andato lontano.
Il fumo rovente si era alzato abbastanza da permettermi di raggiungere carponi la mia manichetta nascosta sotto al divano, così la andai a recuperare e la attaccai al rubinetto della lavatrice.

La pressione dell'acqua adesso era molto più alta e potevo dirigere il getto anche ad alcuni metri di distanza. Puntandolo verso l'alto, verso il soppalco in legno nascosto in mezzo al fumo, mi ricadevano sulla schiena rivoli di acqua bollente e schegge di carbone rovente.

Mentre dirigevo su di me la manichetta per raffreddare i vestiti ed i capelli mi arrivò in faccia una secchiata d'acqua.

Lei mi aveva seguito carponi in quell'inferno e mi gettava acqua addosso.

Quando arrivarono i pompieri ormai si poteva stare in piedi benissimo, non c'erano più fiamme, solo fumo che si alzava e diminuiva sempre di più.

Fuori i civili !  Gridarono mentre cercavo di indicare loro la migliore direzione dove indirizzare i loro potenti getti d'acqua dato che, anche se nascosta dal fumo, sapevo come era fatta la casa, dove fossero collocati gli oggetti infiammabili e dove fossero i varchi tra i diversi locali.



Non mi hanno dato ascolto e mi hanno fatto uscire quasi con la forza.
Hanno fatto più danni loro che le fiamme.
Con delle grosse mazze di ferro hanno prodotto due buchi sul tetto per fare uscire il fumo



e poi hanno "zappato via" tutto ciò che stava in soffitta per mettere la casa "in sicurezza", oggetti di acciaio inox e preziose lastre di vetro rosso compresi.

Non ci vanno tanto per il sottile.
Ciò che non ha distrutto il fuoco ed il calore l'hanno distrutto loro.
Un disastro.
Forse era meglio se nessuno li avesse chiamati.

Sono rimasto inebetito a guardarli per un mucchio di tempo, seduto su un gradino fuori casa.
Dicono che molti conoscenti ci hanno portato il loro conforto ma, non ricordo quasi nessun volto.

Sono rimasto così per un paio di settimane.
Non sapevo da dove cominciare e non avevo la forza di ricominciare.
Un decennio di pazienti lavori distrutto.



Le lampade ed i quadri in vetro tiffany che ci eravamo fatti da soli,



la scala di ferro e legno brasiliano, il corredo di mia figlia, gli antichi giocattoli, il pc fuso, le radio fuse, il frigorifero fuso, il televisore fuso, i cellulari fusi, il tavolinetto ricordo di mio padre bruciacchiato.

La casa dei giochi e dell'amore era distrutta o inservibile.
Poi Lei, incredibilmente, volle ripulire il pavimento dai detriti, dal carbone, dai calcinacci di intonaco scoppiato e lo rese lucido spazzandolo con la segatura bagnata di acido cloridrico.

La trattai male quel giorno dicendole che era stupido farlo, che era tutta fatica sprecata tanto il pavimento si sarebbe sporcato innumerevoli volte durante il processo di ricostruzione e lucidarlo adesso era una follia.

La sua fu una mossa apparentemente  illogica ma, fu una mossa vincente.
Scosse la mia disperazione.
Aveva scelto "da dove cominciare" e cominciammo così, da una solida base pulita e lucida.

Ricominciammo anche a dormirci dentro dopo aver passato qualche filo volante, 



tra l'odore intenso di bruciato









ed i quadri astratti dipinti dal fumo sulle pareti che si lasciavano ammirare nella luce del mattino.

Il resto è stato ricostruito o ripristinato pian piano.
Ieri è uscito da casa l'ultimo pittore.
Tutto è di un bianco abbagliante, adesso tocca a noi arredarla nuovamente mettendoci del nostro e già sappiamo che è bellissima.

Molto più bella di prima.
 
# 1
Mi sono commosso leggendo il tuo post e sono contento che tutto proceda per il meglio e che tu sia ritornato, amico mio.
Di  Elfo_Grigio  (inviato il 23/10/2008 @ 13:11:22)
# 2
Grazie Elfo_Grigio.

Tutto procede per il meglio, solo che ci sono ancora migliaia di piccoli dettagli da risolvere ma, adesso non c'è più fretta.

Un abbraccio

Di  Piton  (inviato il 29/10/2008 @ 15:18:46)
# 3
...caspita, è vero che scrivi bene (ho letto anche i post sulla potatura degli uilvi).
Mi spiace per quello che ti è capitato. Hai capito cos'è successo?
Di  Andecri  (inviato il 10/11/2008 @ 11:49:55)
# 4
@ Andecri - Eliminando l'ipotesi magica della "vendetta del sambuco" che, secondo quanto scrive qualcuno in rete, a bruciarlo nel camino sarebbe come portarsi in casa uno spirito maligno, l'unica possibilità rimasta è quella della cicca di sigaretta caduta accidentalmente tra i libri.

C'era molto vento quel giorno, faceva caldo ed avevamo lasciato tutte le finestre e le porte finestre aperte per far circolare l'aria.

E' vero che una cicca di sigaretta in condizioni normali non riesce ad accendere un foglio di carta o peggio ancora, le pagine di un libro ma, se qualcuno ci soffiasse sopra con forza ed a lungo, alla fine ce la farebbe e, nella pratica, ce l'ha fatta.

Morale della storia - smettere di fumare oppure fare molta attenzione a dove si lasciano le cicche e non lasciare mai che il vento soffi dentro casa.
Di  Piton  (inviato il 10/11/2008 @ 15:25:55)
# 5
Vorrei chiedere, al di fuori dell'argomento "potatura",se esiste un qualcosa (concime specifico? bagni di qualche prodotto? o altro) che possa favorire l'allegagione al momento della fioritura, infatti le mie piante di ulivo(n.15)alcuni anni sono colme di fiori che però pian piano cascano senza lasciare frutto. Grazie e tanti saluti.
Di  Felice  (inviato il 11/11/2008 @ 13:08:11)
# 6
@ Felice - Non credo sia un problema di concimi.

Alcune nostre piante di ulivo sono collocate in un terreno molto marginale, pietroso e a ridosso del bosco.
Le piante hanno "fame" e si vede però le olive le fanno lo stesso, poche ma le fanno.

Secondo me il tuo problema è dovuto alla mancanza o alla scarsità nelle vicinanze delle tue piante degli opportuni impollinatori così, quando il vento porta un po' di polline da lontano, qualche fiore viene fecondato ma, quando il vento non c'è o proviene dalla parte sbagliata non porta il polline ed i fiori non vengono fecondati.

Hai idea di che "cultivar" sono i tuoi ulivi ?

In altri termini, che ulivi sono ? Leccino, rosciola, carboncella, ... ?

Considera che, a quanto ne so, solo la varietà "frantoio" è autofertile, cioè feconda da solo i suoi fiori, tutte le altre varietà a meno di rare eccezioni che non ci sono nella mia zona, hanno bisogno di un impollinatore.

Dovresti prima scoprire che ulivi hai e poi piantargli in mezzo l'impollinatore giusto.

Chiedi consiglio ai contadini della tua zona.

Di  Piton  (inviato il 11/11/2008 @ 16:55:28)
# 7
Grazie della risposta chiara e precisa, vorrei comunque chiederti un ulteriore consiglio, i miei ulivi sono "leccino e frantoio" e in mezzo a loro ci sono due impollinatori, ora ti chiedo, e se per favorire l'impollinatura passassi un ramo qualsiasi prima sulla pianta impollinatrice e poi sull'ulivo da impollinare? un saluto e tante grazie.
Di  felice  (inviato il 12/11/2008 @ 13:00:37)
# 8
@ Felice - La situazione che descrivi è quella ideale.

Gli ulivi della varietà "frantoio" sono autofertili, il leccino si fa fecondare dal frantoio e dagli altri due impollinatori (forse potrebbero essere pendolino) quindi tutte le piante dovrebbero avere una produzione di olive costante a meno delle alternanze tipiche della specie che mostrano annate di "carica" ed annate di scarica.

A questo punto non so più che dirti.

O li hai potati molto male o hanno tanta di quella fame che non riescono a produrre alcun figlio o sono malati.

L'operazione che suggerisci per "facilitare" l'impollinazione non credo possa produrre risultati migliori di quelli che hai già perché l'impollinazione nella situazione che descrivi dovrebbe avvenire alla grande.

E' sempre valido il suggerimento che ti ho già dato: chiedi consiglio ai contadini della tua zona.

Ciao e... in bocca al lupo.


Di  Piton  (inviato il 12/11/2008 @ 15:46:05)
# 9
Caro cugino, solo ora leggo e mi rendo conto di casa avete trascorso in questi ultimi mesi, chissà quanta angoscia e disperazione, ma so che tutto ritornerà più bello e splendendente di prima; Tu e la tua Lei siete troppo in gamba per farvi sopraffare da tutto ciò. Ungrosso bacio a voi tutti, Giorgio e Pinuccia
AH. dimenticavo complimenti alla cuoca, tutto molto buono. Nei miei giorni di riposo mi diletto aprovare le sue ricette.
Di  Giorgio  (inviato il 13/11/2008 @ 09:41:49)
# 10
@ Giorgio - Ancora adesso siamo molto impegnati, ci sono un mucchio di cose da fare anche con gli ulivi oltre che con la casa e tutto si accavalla.

Va bene, almeno non ci annoiamo : - )

Un abbraccio e seguici che presto ci saranno novità sull'olio.
Di  Piton  (inviato il 13/11/2008 @ 12:47:48)
# 11
carissimo mi chiamo Rosa ni complimrnto per la lezione di potatura la metterò in pratica.éstata molto esplicativa.ho 40 ulivi di circa 7 anni che mom ho mai saputo curare.produziome 0.d'ora in avanti vedremo.
Di  rosamamma  (inviato il 14/11/2008 @ 08:58:06)
# 12
@ Rosa - Grazie per i complimenti e auguri per le tue piante. Falle anche "mangiare" magari con qualche busta di cenere di camino o con quel compost di concime organico secco che vendono a caro prezzo nei consorzi agricoli che, per sole 40 piante, può essere ancora un costo sopportabile.
Di  Piton  (inviato il 14/11/2008 @ 12:19:31)
# 13
dici che la cenere di camino o stufa aiuta? in che modo spargerla e che benefici porta? il tipo di terreno ha una sua importanza?
e questi concimi sono specifici? grazie in anticipo e scusa per le tante domande. spero di riuscire a ricambiare.
Di  giancarlo  (inviato il 03/02/2009 @ 19:06:18)
# 14
@ Giancarlo - Se la cenere è ottenuta da legno vero non trattato chimicamente con vernici o impregnanti non ci sono problemi al suo uso come fertilizzante.

Contiene molto calcio, abbastanza potassio, poco fosforo e di tutti gli altri minerali che servono alle piante che comunque sono presenti perchè c'erano nel legno delle piante che si sono bruciate.

L'uso è sconsigliato per quelle coltivazioni che necessitano di un ambiente acido perchè il calcio è basico e quindi potrebbe modificare il Ph del suolo ma, nel caso degli ulivi non ci sono problemi anche perchè le quantità immesse sono davvero piccole.

Nei boschi dove è vietato effettuare concimazioni di qualsiasi tipo, le ceneri sono ammesse.

Nell'agricoltura primitiva si dava fuoco ai campi prima di seminare.

Insomma, da quanto mi risulta, magari funziona poco rispetto ai fertilizzanti chimici ma, funziona ed è naturale e gratis.
Di  piton  (inviato il 03/02/2009 @ 23:46:18)
Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 4000 caratteri)
Nome
e-Mail /NO Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Ci sono 193 persone collegate al sito

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Altre culture (4)
Amaro in bocca (12)
Arti e Mestieri (11)
Bugie (2)
Classici imperdibili (1)
Commenti (5)
Emozioni (16)
Il mio racconto del mondo (5)
Iniziale (1)
Luoghi (1)
Masturbazioni Mentali (9)
Nostalgie (4)
Societa' (54)
Tiro al volo (1)
Ulivi olive ed olio (10)
Una pianta alla volta (4)


Gli articoli più letti

Ultimi commenti:
@Carlo - Se il velo di grasso a cui ti riferisci è quel velo biancastro che ricopre il derma, certamente sì.Il grasso o il carniccio da eliminare prima della concia è com...
04/11/2017 @ 17:09:52
Di Piton
Grazie per le risposte e scusi se approfitto della Sua disponibilità ancora una volta: ho notato che i tempi indicati nella guida per la concia su questo blog sono molto ...
04/11/2017 @ 11:51:33
Di Carlo
@Carlo - Se l'animale viene scuoiato con attenzione non c'è bisogno di scarnificare niente o quasi.Se invece l'operazione viene fatta velocemente e con pochissima attenzi...
04/11/2017 @ 10:04:49
Di Piton
Ok grazie, comunque mi piacerebbe sapere come si è trovato a scarnificare la pelle.Leggo che per le pelli di coniglio si può effettuare questo passaggio in un secondo mom...
03/11/2017 @ 22:00:36
Di Carlo
@Carlo - Per il rispetto della privacy non posso pubblicare l'email di Normann.Se legge ti contatterà, se vuole.Però penso che non potrebbe darti più informazioni di quel...
29/10/2017 @ 08:34:08
Di Piton
Salve, è possibile mettersi in contatto con l'utente Normann per sentire la sua esperienza sulla concia della nutria? Grazie
27/10/2017 @ 22:49:55
Di Carlo
@Greg26 - Il problema si è generato proprio durante quel "semplicemente lavandola" perché ha permesso ai batteri della putrefazione di agire indisturbati per troppo tempo...
06/10/2017 @ 15:41:04
Di Piton



Titolo

Un'immagine alla volta
Click sopra per ingrandirla


Sputi di Coyote

Le immagini precedenti sono QUI

Fase di luna

moon phase info


Notizie

inTOPIC.it


Il tempo a



Libri aperti in giro
per casa

Il mio nome è Nessuno

(Valerio Massimo Manfredi)

La danza dei fotoni
(Anton Zeilinger)

Il cattolicesimo reale
(Walter Peruzzi)





Titolo


17/11/2017 @ 20:33:33
script eseguito in 80 ms